• Demo

    “Il successo è il risultato di perfezione,
    duro lavoro, ciò che si impara dai fallimenti,
    lealtà, e persistenza.”

    Colin Powell

  • Demo

    “Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai,
    neanche per un giorno in tutta la tua vita”

    Confucio

  • Demo

    “L’eccellenza in un campo qualsiasi
    può essere raggiunta solo
    attraverso il lavoro di una vita:
    non si può acquistare ad un prezzo inferiore”

    Samuel Johnson

  • Demo

    “A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto;
    a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più.”

    Sacra Bibbia

  • Demo

    “Colui che segue la folla non andrà mai più lontano della folla.
    Colui che va da solo sarà più probabile
    che si troverà in luoghi dove nessuno è mai arrivato.”

    Albert Einstein

Revoca dell'amministratore

Con la nuova riforma anche i singoli condòmini possono agire

per sostituire l’amministratore inadeguato

Un lettore ci scrive “Da alcuni anni a questa parte l’amministratore del mio stabile non inserisce mai, fra i punti dell’ordine del giorno, la revoca e la nomina dell’amministratore, sostenendo che questa possibilità gli è consentita dalla nuova normativa sul condominio entrata di recente in vigore. E’ vero?”

La recente riforma del condominio dà all'assemblea ed anche ai singoli partecipanti al condominio una serie di strumenti per cambiare l'amministratore inadempiente o incapace in modo rapido. Prima di tutto bisogna ricordare che un amministratore ha dei compiti ben precisi e un mandato temporaneo. L'incarico ha durata di un anno, va riconfermato ogni volta dall'assemblea con una specifica delibera, nella quale va indicato anche l'importo del suo compenso. Non è previsto un rinnovo tacito dell'incarico per cui ogni condominio può liberamente decidere di sostituire il proprio amministratore.

Come difendersi da inquilini morosi e amministratori inadempienti

Una lettrice ci chiede: Nel mio condominio ci sono inquilini che non pagano le bollette e le spese straordinarie da lungo tempo e amministratori che non sanzionano i furbetti. Che provvedimenti possono prendere gli amministratori contro i morosi? E gli inquilini che pagano, da parte loro, cosa possono fare contro chi si rifiuta di pagare, al di là della solita azione legale lunga, dispendiosa e dall'esito incerto? Grazie 

L’amministratore di condominio è obbligato a riscuotere i tributi e a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini su uno specifico conto corrente. Ciascun inquilino ha il diritto di chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica così da accertare lo stato delle cose, come afferma la legge di riferimento n.220 del 2012.

Quando l'amministratore è anche resposabile dei lavori

Al fine di una buona gestione dello stabile, l'amministratore di condominio deve possedere numerose capacità e requisiti. Tuttavia, nonostante la sua competenza e l’eventuale capacità, l’amministratore non è tenuto ad intervenire nei processi  come quello giudiziario o tributario. A questa regola esiste una sola eccezione: l’amministratore può interpretare una figura esterna al processo condominiale quando si trova ad essere il responsabile dei lavori nel processo edilizio, nel momento in cui all'interno del condominio si effettuano dei lavori di manutenzione o di ristrutturazione.

Studio Luca Zichella - Amministrazione Condominiali - P.IVA 02090280716
www.lucazichella.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Informativa Privacy e Cookie

Powered by Koinè Comunicazione srl

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Accetto acconsenti all’uso dei cookie.